Juve cannibale: la Coppa Italia dopo lo scudetto

Il terzo atto della sfida infinita tra Fiorentina Women’s e Juventus Women prende nuovamente la strada di Vinovo, portando le bianconere a realizzare la doppietta campionato – Coppa Italia ed eguagliando il doblete degli uomini.

La finalissima di Coppa Italia giocata a Parma ha mostrato ancora una volta, però, quanto queste due formazioni non riescano ad offrire uno spettacolo divertente, come già visto in occasione della “Premiére” dell’Allianz Stadium, con poche occasioni da gol da segnare sul taccuino.

La scelta di Guagni punta esterna contro la Roma non è stata un caso e Cincotta l’ha riproposta contro la Juve. Ma un conto è giocare contro una difesa che traballa ed un altro è affrontarne una più solida, tanto da vedere l’esterno azzurro in difficoltà sul breve nell’uno contro uno contro Boattin.

Lo scherma del primo gol bianconero contro l’Hellas Verona non è stato occasionale e al minuto 8 si è riproposto nella stessa maniera: ponte di testa di Girelli e colpo di testa di Ekroth. Uno a zero e partita che assume un altro contorno.

La Juve è più organizzata in campo nei primi 45′ di gioco, la Fiorentina prova a farsi sotto e serve un intervento prodigioso di Giuliani su conclusione al volo di Bonetti (minuto 31) per evitare il pareggio viola.

Il detto “gol sbagliato, gol subito” torna di moda quando un minuto dopo Cernoia trova un’incredibile conclusione da 30 metri infilando il pallone sotto la traversa e arrecando il secondo colpo al fianco alla formazione vice campione d’Italia.

Giuliani diventa protagonista in positivo e in negativo nella ripresa: nel primo caso respinge la conclusione di Philtjens in una delle rare occasioni in cui la retroguardia bianconera si è fatta trovare scoperta, nel secondo sbaglia l’uscita e permette a Bonetti, servita di testa da Mauro, di pareggiare al 29′ della ripresa.

Il gol delle toscane alimenta le speranze di rimonta, non dovendo temere le offensive di Aluko e Bonansea sostituite nell’ultima parte del secondo tempo, ma la Fiorentina vista ieri è stata ben altra cosa di quella temibile che ad inizio stagione aveva costretto la Juve alla resa nella finale di Supercoppa Italiana, con la conseguente resa delle armi a partita finita.

 

FIORENTINA – JUVENTUS 1-2 (8′ Ekroth, 32′ Cernoia, 74′ Bonetti)

Fiorentina: Ohrstrom; Vigilucci, Tortelli, Agard, Philtjens; Adami, Breitner, Parisi; Bonetti, Mauro, Guagni. All. Cincotta.
Juventus: Giuliani; Hyyrynen, Ekroth, Gama, Boattin; Cernoia, Pedersen, Galli; Girelli, Aluko, Bonansea. All. Guarino.

NOTEAmmonite: Adami e Catena per gioco scorretto. Recupero: 1′ pt e 4′ st. Sostituzioni: Clelland per Philtjens, Catena per Parisi (F), Caruso per Aluko, Sikora per Hyyrynen, Rosucci per Bonansea (J).

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...