UWCL

UWCL – OL di misura nella supersfida, Barça ipoteca la finale

L’Olimpique Lione fa suo, e senza non poca fatica, il quarto di finale di andata contro il Wolfsburg in quella che è stata ribattezzata come la finale anticipata di questa edizione di UEFA Women Champions League.

Le campionesse di Francia hanno martellato sin da subito nel corso del primo tempo, mancando al 3′ una clamorosissima palla da rete con la Henry che a porta sguarnita manda a lato.

Il vantaggio è una questione di minuti e arriva nella maniera in cui meno ti aspetti: Claudia Neto effettua un retropassaggio suicida, concedendo alla Le Sommer l’onore di avventarsi sul pallone, saltare Schult e depositare in rete per l’uno a zero al minuto 11.

Altri sette giri di orologio e l’OL assetta il gancio destro allo stomaco del Wolfsburg: su azione da corner la Renard salta di testa indisturbata e trafigge le tedesche per il due a zero.

Che potrebbe diventare anche tris se non fosse per quella maledetta traversa colta dalla Le Sommer da dentro l’area di rigore.

Se escludiamo il colpo di testa di Harder che non centra il bersaglio, per vedere il Wolfsburg affacciarsi pericolosamente nell’area di rigore francese bisogna aspettare la ripresa. E ciò che non ti aspetti è vedere l’OL essere con la testa negli spogliatoi.

La Maritz serve un pallone dalla destra e Peter, approfittando di un pallone mal respinto dalla Mbock Bathy, calcia a botta sicura impegnando la Bouhaddi che respinge in corner.

Gol sbagliato dalla Fishlock, che a porta praticamente vuota manda sull’esterno della rete un cross perfettamente pennellato dal Pallone d’Oro Ada Hegerberg, gol subito dall’OL per mano (o meglio, testa) di Fischer, che ha la meglio in un mezzo parapiglia in cui riesce ad anticipare di testa la Hegerberg.

Le tedesche vanno alla ricerca del pari non trovando soddisfazione nella conclusione di Peter parata da Bouhaddi, rischiando di rovinare successivamente gli sforzi profusi nella ripresa quando un pasticcio tra portiere e la Fischer rischia di regalare alla Le Sommer la gioia della doppietta personale.

OLYMPIQUE LIONE – WOLFSBURG 2-1 (11′ Le Sommer, 18′ Renard, 64′ Fischer)

Lione: Bouhaddi, Bronze, Mbock, Renard, Majri; Henry (87′ Cascarino), Kumagai, Fishlock (58′ van de Sanden), Maroszan, Le Sommer, Hegerberg. All.: R. Pedros.
Wolfsburg: Schult; Blaesse, Fischer, Goessling, Peter; Claudia Neto, Gunnarsdottir, Graham Hansen, Harder, Popp; Pajor. All.: S. Lerch.

Arbitro: sig.ra Monzul (UCR).
NOTEAmmonite: van de Sanden, Maroszan, Le Sommer, Peter. Spettatori: 17840.

LE ALTRE PARTITE

Un successo e un pari nelle altre due partite di UWCL, in attesa dell’altro big match tra PSG e Chelsea in programma questa sera alle 20:05.

Il Barcellona ha vita facile al Miniestadi contro un LSK affondato in appena 36′. Apre le danze Duggan che al 3′ insacca da posizione centrale su assist di Torrejon. Sempre la Duggan replica al 24′ con un bel tocco di esterno destro su assist dalla sinistra di Martens.

Il tris arriva dal dischetto con Mariona, nonostante la Fiskerstrand sia riuscita a toccare il pallone ma senza indirizzarlo fuori dallo specchio della porta.

Nell’altro match serve poco più di un’ora per vedere il risultato sbloccarsi. Al 62′ Magull fa partire un cross dalla destra su cui Rolfoe arriva indisturbata alla conclusione, trafiggendo così la Votikova.

Il vantaggio dura appena undici minuti e arriva in maniera pazzesca con Svitkova, che fa partire una conclusione dalla trequarti su cui la Zinsberger nulla può. E sarà anche l’ultima rete della partita.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...