Rigori fatali: Cyprus Cup alla Nord Corea

Incredibile ma vero: anche l’Italia del calcio femminile conosce la “sua Corea”, anche se fortunatamente non ad una competizione mondiale.

La Corea del Nord vince la sua prima Cyprus Cup ai calci di rigore, segnando in tutti e sette i turni di battuta che sono stati necessari per assegnare la coppa, e in cui la tensione tradisce Barbara Bonansea che calcia alto consegnando il trofeo nelle mani delle asiatiche.

La Nord Corea vince la sua prima Cyprus Cup ai calci di rigore, dopo aver condotto il secondo tempo regolamentare in inferiorità numerica per l’espulsione di Kim-Nam_Hui a fine primo tempo e parte dei supplementari in nove giocatrici per il rosso diretto sventolato ai danni di Hyang-Sim Ri.

L’Italia ha tanto da recriminare per non essere riuscita a far suo un match giocato in superiorità numerica nei 45′ del secondo tempo regolamentare, trovandosi incredibilmente sotto a fine primo tempo per 1-2, pagando dazio su due azioni da corner per opera di Kim Yun-Mi al 38′ e di Ju Hyo-Sim al 46′, vanificando così il vantaggio conseguito al 19′ con Cristiana Girelli e recriminando per la traversa di Mauro.

Nella ripresa Milena Bertolini inserisce Bergamaschi per Bartoli e Sabatino per Galli, cercando di pompare il carico offensivo.

Tra le più pericolose vi sono Cernoia e Bonansea, che non riescono a trovare il bersaglio grosso. Stesso destino per Daniela Sabatino, la quale riesce a fare centro a dieci minuti dal novantesimo incocciando di testa un pallone calciato dalla bandierina da Valentina Cernoia.

Le azzurre potrebbero chiudere la partita nei tempi regolamentari con Barbara Bonansea, ma l’attaccante bianconero sbaglia al 86′ calciando addosso al portiere e al 95′ mandando a lato.

Stessa sorte per la neo entrata Serturini nel terzo minuto del primo tempo supplementare, aumentando così le occasioni sprecate in casa Italia.

La Corea punta in ripartenza e al 102′ rischia di passare in vantaggio, ma l’intervento di Salvai sulla linea è fondamentale per evitare il vantaggio asiatico, che per sfortuna azzurra arriva al 105′ su calcio di rigore assegnato per un dubbioso fallo di Guagni e realizzato da Yun Son Yo.

La Nord Corea punta sulla provocazione e paga a caro prezzo un gesto antisportivo di Hyang-Sim Ri su Alia Guagni, che lascia in nove la sua formazione.

La lotteria dei rigori vede pallini verdi nei cinque turni di battuta e nel primo ad oltranza, ma nel settimo turno Bonansea spara alto per la felicità delle giocatrici nordcoreane.

 

NORD COREA – ITALIA 10-9 (3-3 dts: 19′ Girelli, 38′ Kim Yun-Mi, 46′ Ju Hyo-Sim, 80′ Sabatino, 105′ rig. Yun Son Yo, 111′ Cernoia. Rigori: Yun Son Yo gol, Giugliano gol, Kim Yun-Mi gol, Girelli gol, Ju Hyo-Sim gol, Serturini gol, Pak Sin Jong gol, Cernoia gol, Hyong-Mi Pak gol, Sabatino gol, Ri Pom-Yang gol, Salvai gol, Ri Un-Yong gol, Bonansea alto)

Korea: Yong-Sun Kim, Ri Un-Yong, Pak Sin Jong, Wi Jong-Sim, Ju Hyo-Sim, Kim Yun-Mi, Hyang-Sim Ri, Kim Nam-Hui, Ryong-Mi Ryang (23′ Yu Jong Im – 86′ Kyong-Mi Pak), Yun Son Yo, Gyong Un Jon (26′ Phyong-Hwa Kim – 60′ Hae-Yon Ri).
Italia: Marchitelli; Guagni, Gama, Salvai, Bartoli (56′ Bergamaschi); Cernoia, Galli (56′ Sabatino), Giugliano; Girelli, Mauro (94′ Serturini), Bonansea. All. Bertolini.

NOTEAmmonite: Yu Jong Mi, Kim Nam-Hui, Mauro, Wi Jong-Sim, Ri Un-Yong, Giugliano, Guagni. Espulse Kim Nam-Hui al 43′ e Hyang-Sim Ri al 110′ per doppia ammonizione. Recupero: 2′ pt, 5′ st; 0’+2′ ts.

 

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...