Un altro (inutile) esorcismo

Non esistono più quei film sugli esorcismi di una volta, quelli che potevano metterti una certa strizza e farti passare qualche ora insonne. Al loro posto sono arrivate le canzoni di Sanremo.

Battute a parte, prendete la prima parte di frase perché è quella che ci interessa. L’Esorcismo di Hannah Grace non si salva e non resuscita, con o senza giramenti di testa a 360 gradi con vomito annesso, questo genere di pellicole che a mio avviso può essere indotto in coma farmacologico. Nessuno se ne accorgerebbe.

Rispetto agli ultimi lavori di questo genere, la pellicola diretta da Diederik Van Rooijen cambia in quei pochi dettagli che non fanno la differenza rispetto ai suoi predecessori: pensano di essere spaventosi ed invece hanno l’effetto di un attacco di cagotto.

La scena iniziale è l’unico momento in cui il film si mostra interessante, con la bambina Hannah pienamente posseduta dai demoni che con la forza di un Sayan riesce a far secchi due preti, prima di morire soffocata dal papà.

Il suo corpo arriva all’obitorio nel quale la poliziotta/dottoressa Megan Reed, coraggiosa nella scelta di lavorarvi di notte ma ancora dipendente da farmaci, comincia a notare strani eventi che la mettono davanti a due situazioni: la prima la fa pensare a visioni da luogo chiuso, la seconda segna una strada sconvolgente che porta al legame tra esorcismo e la defunta Hannah.

E quando le forze del male cominciano a dare dimostrazione di essere vivi dentro all’obitorio, aumentano le percentuali di vedere le vite di Megan e dei poliziotti di servizio appese ad un filo sottilissimo.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...