rane rosa como nuoto

Serie A2F – Tete Pozzi: dal Pianeta Autogrill alla prima di campionato

Dal Pianeta Autogrill alla prima di campionato, a bordo del pullmino “Forza 100” chiamato Como Nuoto, che quest’anno vive il suo primo secolo di storia.

Tete Pozzi, allenatore delle Rane Rosa Como Nuoto che è una formazione nota per il menu a base di pane e ignoranza di cui si nutrono giornalmente, ha presentato la stagione delle sue ragazze ai microfoni di CiaoComo (link al video).

Il coach della formazione comasca esordisce all’insegna dell’ironia: “Noi da buona squadra un po’ ignorante abbiamo sfalsato di un anno: abbiamo fatto bene l’anno scorso e vediamo se riusciamo a rovinare l’anniversario della Como Nuoto”.

Le Rane Rosa Como Nuoto ripartono dalla compattezza di un gruppo più ampio (diciotto elementi, includendo le juniores), dove le sole uscite sono state quelle di Carla Comba e di Anna Repetto (quest’ultima al NC Milano, ndr), e dalle finali playoff disputate la scorsa stagione e perse contro Velletri.

E dalla prima trasferta della stagione in quel del “girone Nord”, quella di Sori che Tete Pozzi considera “neo-promossa forte e temibile”, senza dimenticare il lotto delle altre contendenti con la favorita “Bologna in quanto una delle più quotate e da affrontare nella seconda trasferta stagionale”, seguita da Trieste e Cagliari. “Tutte da affrontare fuori casa in questo difficilissimo girone d’andata”, aggiunge il coach comasco, che non dimentica di considerare il resto delle partenti al via: «in questo sport poco conosciuto e con poca visibilità, sulle altre formazioni non si può sparare sentenze senza conoscerle».

L’unità del gruppo e quello di intenti dovranno essere tra i punti cardine di questa stagione, in cui le Rane Rosa hanno dovuto cercare la sede di allenamenti lontana dalla piscina di Muggiò e trovando ospitalità presso la struttura di Cermenate.

In uno sport in cui le atlete non possono lavorare da professioniste, vivendo lo status di lavoratrici professioniste e studentesse prestate allo sport dilettantistico, Tete ci tiene ad omaggiare gli sforzi che ognuna delle sue ragazze fa per potersi allenare, con un occhio particolare verso la situazione delle lavoratrici: «le persone che lavorano hanno davvero fatto i salti mortali, tenendo conto che tra essere vi sono due infermiere con i relativi turni ospedalieri. Ufficialmente ci siamo visti mai, e da settembre abbiamo fatto soltanto due allenamenti tutti insieme».

Se è vero che Tete cercherà un minimo di serietà pretendendo l’ingresso in campo delle sue ragazze puntuali, non vi sono speranze per quanto riguarda il trash predominante all’interno dei profili social delle sue ragazze, ben accetto dal loro allenatore a patto di mantenere la compattezza del gruppo.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...