calcio serie a femminile

Serie A – Nove sinfonie Hellas nel derby: poker Dupuy, Rus MVP

Il derby è per definizione una partita diversa da tutte le altre. Ma quanto è accaduto oggi nel derby tra Hellas Verona e Chievo Verona Valpo, il primo da quando entrambe sono state inglobate nelle due società della maschile, ha offerto qualcosa che nessuno prima delle 14:30 avrebbe potuto minimamente immaginare.

L’Hellas vince con un roboante 9 a 3, dopo che i primi 45 minuti di gioco si erano chiusi sul 2-1.

Welcome to the HELLas è il messaggio che oggi le padrone di casa hanno lasciato scritto sul prato dello stadio Olivieri, perché infernale è stato il derby giocato dalle due formazioni.

L’Hellas ha stradominato nella ripresa, sfruttando le ampie praterie cavalcabili con le micidiali ripartenze, con una Rus MVP del match con due gol e tre assist, e con Dupuy che realizza il suo primo poker nel derby scaligero.

Sulla sponda clivense l’inferno assume il senso più negativo e pauroso del termine, mostrando una fragilità in fase difensiva e l’assenza di filtro a centrocampo soprattutto nella ripresa, con nove reti al passivo che in un match come questo, che non le ha viste contrapposte ad una big come Juve, Milan o Fiorentina, fa sprofondare il Valpo in una crisi nera che più nera non si può.

Parlando del match, l’Hellas fa vivere quattro minuti da capogiro alle avversarie, con conclusioni in serie che vedono Parisi non centrare di poco la porta al 8′, poi Molin con palla alta, successivamente Bardin che si vede strozzare l’urlo di gioia dal salvataggio sulla linea di un avversaria.

Al 16′ Rus sblocca la partita deviando al centro dell’area di rigore su assist di Dupuy, che inizia con un passaggio gol il suo sabato bestiale.

Non ti aspetti il gol del Chievo che arriva puntuale alla prima occasione gol con Tarenzi, che raccoglie il tap-in su conclusione di Boni respinta da Menichini ed insacca per l’uno a uno, per una gioia che dura una manciata di minuti, quando Dupuy trova Gritti fuori dai pali e la scavalca per il 2-1 con cui si conclude il primo tempo.

Nel segno di Dupuy inizia la ripresa, con l’attaccante dell’Hellas che va a segno al 51′ su colpo di testa da corner battuto da Rus, poi fa tris al 56′ quando la solita Rus serve un cross rasoterra, calciando di potenza all’altezza del dischetto e insaccando sotto la traversa, e infine trova il poker personale chiudendo in maniera esemplare l’azione di contropiede gialloblu, spiazzando Gritti per il 5-1 Hellas.

Il gol del 2-5 Chievo su rigore di Boni non arresta la sete di gol dell’Hellas, che un minuto dopo la rete avversaria va ancora a segno e ancora una volta in azione di contropiede. Bardin lancia per Rus, Gritti respinge e Pasini insacca per il 6-2 al 71′.

Tre minuti dopo l’Hellas va a segno per la settima volta con Rus, che libera al limite dell’area piccola controlla indisturbata, e con piena disinvoltura supera in pallonetto Gritti per il 7-2, che al 81′ diventa 7-3 grazie al tap-in di Tarenzi in area piccola.

Nemmeno a dirlo, il finale di partita vede protagonista ancora l’Hellas, che suona l’ottava sinfonia con il penalty di Menighini all’86’ (fallo su Molin) e la nona nell’ultimo dei quattro minuti di recupero assegnati con Veronica Pasini, che suggella la sua prestazione odierna con una doppietta personale.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...