Coppa Italia F – Catania tris di coppa

L’Ekipe Orizzonte vince la sua terza coppa Italia battendo SIS Roma per 12-6

Dove c’è coppa, c’è Orizzonte Catania. E dove c’è lei in finale c’è sempre la SIS Roma a sfidarla, che però soccombe per la seconda volta alla squadra guidata da Martina Miceli (in campionato, invece, è finita in parità con rimonta conclusa dalle romane, ndr).

L’Ekipe Orizzonte Catania conquista la sua terza coppa Italia dopo un’astinenza di cinque anni, aggiungendo in bacheca un altro trofeo dopo la FIN Cup conquistata all’inizio della stagione; nella sfida valida per il 3°/4° posto, invece, Turbosider Cosenza festeggia dopo aver battuto il Bogliasco per per 7-5.

Il racconto dell’incontro vede un match senza storia fino al 6-1 delle catanesi, dove Aiello, Garibotti (2) e Bianconi (3) avevano dato l’illusione di aver chiuso il match poco prima del fischio di metà gara, facendo pensare che il 4-1 di Centanni fosse solo un’illusione momentanea o una rete casuale, considerando che il portiere Johnson mai si era fatta trovare impreparata quando le romane riuscivano ad andare a tiro.

6533279b3e9fad179df2788b324234f5_XL

Eppure la SIS trova i suoi minuti d’orgoglio Centanni e la doppietta di Picozzi riesce a tornare sotto accorciando a due sole lunghezze la distanza dalle avversarie siciliane, fino a quando un rigore fischiato contro la SIS Roma porta Garibotti dai cinque metri con realizzazione del 7-4.

Catania vola e spinta da Aiello e Van der Sloot allunga in maniera decisa e decisiva, costringendo le romane alla resa e portandosi sul 12-5, prima della rete di Galardi che che vale il 12-6 che sarà il risultato finale al termine dell’incontro.

SIS ROMA – ORIZZONTE CATANIA 6-12 (0-4, 1-2, 3-2, 1-4)

SIS Roma – Sparano, Tabani, Gual Ravirosa 1, Marani, Giovannangeli, Tankeeva, Picozzi 2, Sinigaglia, Galardi 1, Centanni 2, Giachi, Rugora, Bradimarte. All. Formiconi.

Ekipe Orizzonte CT – Johnson, Ioannou, Garibotti 3, Bianconi 3, Aiello 2, Grillo, Palmieri 2, Marletta, Van der Sloot, Morvillo, Riccioli, Lombardo, Schillaci. All. Miceli.

NOTE – Nessuna è uscita per limite di falli. Superiorità numeriche: Roma 4/8 e Catania 3/6 + un rigore. Prima della partita osservato un minuto di silenzio in memoria di Brunello Spinelli, campione olimpico a Roma 1960 con il Settebello, scomparso da pochi giorni per le conseguenze di un incidente stradale.

Credit photo – Andrea Staccioli/deepblumedia.eu

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...