Fallen

Allucinazioni, un amore impossibile e la religione protagonisti del film tratto dall’omonimo romanzo

Stavolta sono andato alla cieca. Di Fallen non ho letto alcuna pagina, quindi quanto sia attinente al primo capitolo della saga scritta da Lauren Kate sinceramente non saprei dirvelo.

fallen-lauren-kate-fallen-film-fallen-trailerIl film prende ispirazione da questo romanzo e ci porta in un mondo di complessati quale quello rinchiuso nell’istituto Sword & Cross, che già dal nome non lascia buoni presagi.

E nemmeno sul grado di affinità tra pellicola e spettatore, almeno per quello che mi riguarda, colpa di una storia che fatica ad essere intrigante e che nel finale tenta di regalare interesse.

Il risultato? Una storia che fatichi a digerire, a meno di non sopportarlo solo perché legato alla passione per il romanzo letto su cartaceo.

Valutazione: 2,6 su 5 stelle.

IL FILM

63506_pplPrima che vi fosse la luce, c’erano gli angeli. Poi ogni angelo fu mandato in nomination e i più nominati vennero cacciati dal Paradiso e mandati a rompere le scatole sulla Terra.

Perché tutto questo all’inizio? Lo capiremo dopo. Sta di fatto che l’attenzione si sposta su una ragazza che vede le sue foto in veste di spadista e a cavallo.

Si chiama Lucinda “Luce” Price (Addison Timlin), non è maggiorenne, non è battezzata, non vive in una famiglia felice e viene mandata all’istituto correzionale: Sword & Cross a causa delle visioni che l’accompagnano sin da piccola.

Potete ben capire che non è affatto una ragazza normale. Ma ha buon occhio per gli uomini, dato che ci mette poco a mettere gli occhi prima sul ragazzaccio Cameron “Cam” Briel (Harrison Gilbertson) e poi sul biondo Daniel Grigori (Jeremy Irvine).

Sta di fatto che Lucinda si trova in un collegio di psicopatici, che hanno più visioni di un fumatore di cannoni. Ma dato che Luce non scherza a visioni, si trova nel posto giusto.

Tra un limone duro con Cam e una chiacchierata con l’amica di collegio Pennyweather (Lola Kirke), continua ad avere la sensazione di conoscere Daniel.

Ci prova in piscina, ma il ragazzo sfugge alle sue domande dandosi allo stile “farfalla”. E la risposta potrebbe essere già scontata: è Raoul Bova travestito da un altro attore.

Ma essendo una ragazza non propensa a farsi i cavoli suoi, insieme a Penn chiederà a Todd di aiutarla a scoprire il mistero che si cela dietro la figura di Daniel.

Il risultato è disarmante: i volti di Gregori e di Luce sono gli stessi presenti in una foto scattata nell’Ottocento.

La storia prenderà una brutta piega e coinvolgerà la ragazza, Daniel, Cam, Pam e Miss Sophia (Joely Richardson), l’insegnante del collegio, svelando un segreto sconosciuto alla nostra protagonista.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...