alfonso signorini

Alfonso Signorini, il giornalista musicista

Musica, TV e tanta speranza raccontati a Verissimo

Ci sono certi riflettori, come quelli del Prime Time televisivo, che risaltano programmi dal grande seguito ma vuoti dentro, come il Grande Fratello.

Schermata-2013-07-03-a-22.49.10-586x327.pngVe ne sono altri, come quelli di Verissimo, piccoli e regalati ad un sabato pomeriggio qualsiasi, ma capaci di esaltare storie importanti di cui non si conosce l’esistenza.

GF VIP, Verissimo e un unico comune denominatore: Alfonso Signorini, ospite di Silvia Toffanin nella puntata andata in onda il 15 ottobre.

Niente a che vedere con la persona pungente e spigolosa che si vede il lunedì sera, come richiesto dal ruolo di giornalista.

Spazio ad una persona dall’animo contadino, dalle abitudini semplici da non stravolgere e dalla musica da cui si lascia coinvolgere.

Niente più cene e feste da vip, niente più circondarsi di persone inutili a cui dare credito, le stesse che sparirono quando la leucemia mieloide lo colpì.

Pochissime persone fidate, la musica del pianoforte che ama suonare (e dell’Invenzione a due voci di Bach che lo fa incazzare) e la fede, che Alfonso considera un dono.

«Ho il dono di averla e se ce l’hai non puoi disperarti. La vita non si ferma lì e li rivedrai. È una certezza che ti fortifica, ti porta a cogliere segnali nel tempo che ti permettono di capire che sono lì, anche se non li vedi».

La fede è ciò che lo ha aiutato e fortificato dopo la leucemia, ed è la stessa diventata luce nel percorso di vita intrapreso dopo la perdita di entrambi i genitori.

IL GIORNALISTA MUSICISTA

La carriera di Alfonso Signorini è stata una rapida salita verso il successo, che lo ha portato a diventare direttore di Chi?, a lavorare in radio, in televisione e a scrivere libri.

Ma il sogno da bambino era un altro: diventare musicista. Iniziò da un organino elettrico e continuò con un pianoforte a muro regalatogli dai genitori.

Uno strumento molto costoso, così tanto che sua madre, per comprarlo, vendette l’anello che Alfonso notò, al tempo, non essere più al suo dito.

Il dispiacere di Alfonso si tramutò anni dopo in un’azione lodevole: con l’aumento di stipendio a Chi?, investì due stipendi per regalare alla madre un anello con l’acqua marina.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...