Ricordo di un giorno “Mondiale”

L’alba di un giorno che sarebbe diventato “mondiale”. Sono passati esattamente 10 anni dalla vittoria del mondiale di calcio di Germania2006, ma ricordo quella domenica 9 luglio come se fosse ieri.
Avevo i capelli lunghi (mi sarebbe bastato scrivere “avevo i capelli!”), avevo appena terminato il primo anno di Marketing & E-Business all’Università di Pavia ed ero in vacanza coi miei in un agriturismo a San Giuliano Terme, in provincia di Pisa.

Prendere sonno era impossibile, non per via del caldo ma per una snervante attesa che pesava come un macigno. Di nuovo in finale come a USA94, di nuovo la Francia come all’Europeo del 2000 e, con il ricordo del golden gol di Trezeguet ancora vivo, la paura di vedere una nuova sconfitta in finale contro i transalpini era grande.
Il pranzo interruppe il mio tentativo di rilassarmi sotto al sole e davanti alla piscina fino all’inizio della partita.
Ma le 20 arrivano presto, con un carico di tensione incredibilmente importante. Una televisione e una ventina di persone a guardarla insieme, tra cui tedeschi ed olandesi, qualche italiano e nessun francese. La partita comincia!

Lo spettro della paura si presenta subito e si chiama Zinedine Zidane: calcio di rigore, cucchiaio, palla in rete e Francia in vantaggio.
La partita prosegue, un po’ di sconforto si fa vivo, ma ci pensa Materazzi ad incornare per il pareggio azzurro. “Siamo ancora vivi!” dirà subito dopo Fabio Caressa, “Possiamo vincerla!” penserò io.  I galletti fanno il gioco, noi prendiamo una traversa con Toni, il tempo scorre e si va ai supplementari.
Ribery mette paura con il suo diagonale a lato, Zizou la prende la testa e Buffon risponde, poi perde la testa mollando una capocciata a Materazzi: un gol quasi certo in meno nella lotteria dei rigori.

Sì, ancora questi fottuti calci di rigore, come se gli epiloghi di Italia90, USA94 e Francia98 non fossero stati sufficienti. Forse perché Zidane ha fatto la cazzata che gli costerà la faccia, forse perché qualcosa di buono c’è nell’aria, ma sta di fatto che la lotteria dei rigori ci sorrise a 64 denti.
Pirlo, Materazzi, De Rossi (rientrato dalla squalifica di 4 giornate) e Del Piero l’hanno messa dentro, i francesi sbagliano il secondo penalty con Trezeguet, Grosso (l’eroe della semifinale) diventa supereroe segnando il rigore decisivo.
Siamo CAMPIONI DEL MONDO per la quarta volta, finalmente anch’io ho potuto gioire per un titolo mondiale calcistico che ci mancava da Spagna82, finalmente per una notte si è stati orgogliosi di essere italiani.
Una notte indimenticabile, che spero di poter rivivere presto!

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...